San Michele Fabbrica d’Europa

Antica Taverna Spagnola

News del 15 dicembre 2004

Venerdì 17 dicembre alle ore 16 sarà inaugurata una mostra su alcuni mestieri al S.Michele.

L’obiettivo è quello di riaprire le Botteghe del S. Michele rilanciando attività artigianali e multimediali.

Per l’occasione si riaprirà la Tavena Spagnola interverrà il Ministro e Comune, Provincia e Regione.

Recupero delle antiche botteghe artigiane del San Michele a Ripa in un
Centro Museale Multimediale

PROSPETTIVA PRIMO TRATTO

La storia incontra il futuro

Il progetto per il recupero delle botteghe artigiane è volto a una nuova era. Il San Michele diventa Museo Multimediale con centro di ristoro ed intrattenimento culturale, per la città e per l’Europa.

Partendo dalla riapertura della Taverna Spagnola, già importante centro di scambio culturale nell’europa dell’800, e dalla progressiva riapertura delle antiche botteghe artigiane, affacciate sul Lungotevere Porto di Ripa Grande, il San Michele ritorna ad assumere la funzione di polo di coinvolgimento di attività artistiche e divulgative, divenendo punto d’incontro tra la tradizione e il futuro., tra l’artigianato e le neo tecnologie, tra l’arte e la comunicazione.

Il complesso monumentale, oggi sede del Dipartimento dei Beni culturali e paesaggistici, immerso nella Trastevere più antica e lambito dal millenario scorrere del Tevere, sembra essere il luogo ideale per offrire al cittadino, al turista, allo studioso, all’artista, la possibilità di condividere tutte le esperienze della fruizione culturale, dell’apprendimento storico artistico, della sperimentazione, in un unico grande centro.

In questo scenario, la riapertura delle botteghe per il recupero dell’artigianato tradizionale e per il ripristino delle scuole di formazione professionale in arti e mestieri, all’interno di un progetto di tutela e valorizzazione del Mibac, rappresenterà il primo passo verso questa nuova idea. Insieme alla Taverna Spagnola così come ritratta nel 1824 dal pittore tedesco Franz Ludwig Catel, propone attività ristorativa nel pieno rispetto della tradizione con un accento particolare all’archeologia dei vini, spettacoli di qualità, mostre d’arte ed altro.

Ma nello stesso tempo il progetto museale, potendosi avvalere di nuovi strumenti tecnologici multimediali come gli Hyperwall, una nuova generazione di schermi trasparenti a basso impatto visivo e ambientale, potrà produrre servizi e informazioni sulle attività stesse del Mibac; informazione urbanistica, museale, storica, archeologica quindi, ma anche sociale, commerciale e d’intrattenimento.
Così come, attraverso un programma di sfruttamento delle tecnologie di proiezione olografica, si potranno ricreare antiche ambientazioni proiettate direttamente nel futuro, introducendo un innovativo concept di narrazione e divulgazione didattica.

Un futuro in cui incontrarsi di nuovo e sviluppare una nuova sensibilità che non dimentichi l’importanza della tradizione e della storia.


Roma, 15 dicembre 2004

DSCN0094

1 comment for “San Michele Fabbrica d’Europa

  1. Cristiano A.
    21 maggio 2014 at 14:23

    È trascorso qualche anno dal 2004. Forse è l’ora di una nuova inaugurazione di apertura…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com