Programma Regionale per un “Nuovo Modello di Sviluppo” dell’Eco-Sistema del “Saper Fare Creativo e Culturale” Romano & del Lazio

Contributo Programmatico per i candidati alla carica di Presidente e di Consigliere alla Regione Lazio

Questo Programma si propone come motore per generare una nuova economia sociale nell’Eco-Sistema del “Saper Fare Creativo e Culturale” dei nostri Territori, quale “patrimonio culturale immateriale”, del quale l’Artigianato Tradizionale, Artistico e Creativo ne costituisce, storicamente, il cuore e il motore.

Condivisione, collaborazione e inclusione rappresentano, oggi, le necessarie pre-condizioni per perseguire la genesi di un nuovo Umanesimo della Creatività.

La “Creatività”, come espressione individuale e collettiva – coniugata con l’Innovazione del Sistema, e quindi non solo Tecnologica, ma anche di Metodo Organizzativo e di Processo Produttivo – costituisce il “Valore” distintivo in grado di competere e di affermarsi nella dinamica globale per aprire prospettive di sviluppo e di successo verso il futuro.

Oggi, nella nostra Società, il tema della gestione, della delega e della partecipazione è in piena crisi. L’innovazione tecnologica ha implementato esponenzialmente le potenzialità della comunicazione e delle relazioni, offrendo nuove opportunità e modalità di condivisione e prefigurando la possibilità per nuovi scenari partecipati e disintermediati, con i quali delineare la genesi orizzontale e trasparente di nuovi modelli per la Rete e la Governance del Sistema.

Compito delle Istituzioni deve essere quello di governare responsabilmente i fattori di crisi per evolverli in opportunità e agevolarne i processi, garantendo terzietà, inclusività e pluralità nella gestione delle risorse.


Oramai da decenni, nel contesto romano e laziale, per il segmento Artistico e Tradizionale del settore Artigianato si evidenzia una progressiva riduzione della capacità economica di ciascun soggetto, registrando contestualmente la diminuzione della nascita di nuove imprese, a fronte anche della progressiva delocalizzazione, trasformazione in “altro” ovvero chiusura di molte di quelle esistenti.

Solo nel Centro Storico di Roma, nei primi anni ’90 vi operavano circa 5.000 imprese artigiane. Una densità importante che raccontava di una Città operosa, piena di figure riconoscibili e specializzate nel lavoro manuale e nell’artigianato artistico. Queste 5.000 attività dieci anni dopo, nei primi anni 2000, si erano ridotte a circa 2.000; nel 2010 a 1.000; oggi sono circa 500 e forse ancora meno.

Secondo il rapporto del 2011 sull’Artigianato Artistico e Tradizionale nel Lazio, che fotografava un campione significativo di operatori, le ditte individuali erano il 75%, mentre solo il 5% impiegava più di 5 addetti. Per la quasi totalità il Mercato di riferimento era locale o al massimo regionale e solo lo 0,9% operava continuativamente su quello internazionale; il 61% delle botteghe intervistate producevano redditi fatturati inferiori ai 30.000 l’anno e solo il 15% fatturavano fino a 60.000 l’anno.

Appare piuttosto evidente come le politiche perseguite e le governance attivate negli ultimi decenni nel settore non siano state in grado di contrastare le complessive criticità degenerative in divenire – causate certamente soprattutto dall’evolversi del processo di globalizzazione anche rispetto alla storica funzione socio-economica di prossimità – né tanto meno di incidere innovativamente su questo specifico ambito economico, sociale e culturale regionale

In un’ottica essenzialmente conservativa, è innanzitutto mancato il coraggio e la determinazione nel voler mettere in discussione gli status quo preesistenti e persistenti, attraverso – viceversa – la prioritaria apertura di un confronto pubblico, approfondito, analitico ed evolutivo, con il coinvolgimento anche dei numerosi stakeholder dell’Eco-Sistema di riferimento (non solo Artigiani, ma anche Università ed altri ambiti della Ricerca e della Formazione, Operatori del Marketing, del Turismo, della Creatività e della Cultura – in ogni sua forma visuale ed espressiva – delle Filiere Agro-Pastorizie del Territorio, …).

Confronto necessario e funzionale alla possibilità di leggere il contesto nel suo insieme, per essere in grado di concepire ed elaborare una nuova visione allo scopo di sviluppare un processo strategico di riqualificazione e di rigenerazione del Sistema stesso, finalizzato al riposizionamento dell’Artigianato Creativo e Culturale dei nostri Territori, nel suo complesso e nel quadro delle dinamiche della competizione globale.

Purtroppo, invece, si è continuato ad agire con interventi spot, in una logica “non evolutiva” ed essenzialmente  parcellizzata, di fatto supportando, solo e limitatamente, lo strato del sistema via via sopravvivente e comunque quello strutturalmente privilegiato, rispetto, invece, a perseguire l’obiettivo di rigenerare il valore del più complessivo, ampio e diffuso capitale umano e materiale costituente – ancora oggi, sia pure in condizioni di sempre maggiore dispersione, invisibilità ed impercettibilità – lo straordinario storico patrimonio artigianale creativo ed etno-culturale dei nostri territori.

Ancora oggi, nonostante l’evidente stato di crisi strutturale, oltre che congiunturale, alle attività creative del settore artigianale, in forma tradizionale o innovativa, si rivolge l’interesse spontaneo di diversi Soggetti – giovani, ma anche non giovani, non di rado svantaggiati – con competenze supportate da percorsi formativi prevalentemente generalisti e/o da una spiccata dote personale, ma che non trovano facilmente contesti dinamici ed interlocuzioni utili a sviluppare nuove opportunità per affrontare le possibili sfide future.

Sia il “Vecchio” che il “Nuovo” Artigianato non sono, oggi, più “censibili” e “misurabili” solo con gli “indicatori statistici di sistema”. E questo, da una parte, a causa della progressiva deimprenditorialità a favore spesso di un “sommerso di sopravvivenza” ovvero, dall’altra, dalla difficoltà, nell’incertezza del presente, di poter strutturare nuovi percorsi progettuali d’impresa.

Per tutto questo, è oggi necessario e sempre più urgente saper concepire strumenti innovativi in grado di perseguire il riposizionamento competitivo del “Saper Fare Creativo” nel suo “Insieme” – quale funzione trainante per Tutti ed anche quale distintivo e qualificante brand del Territorio da coniugare con quelli dei Protagonisti – attraverso la prioritaria emersione e l’adeguata rinnovata “rimessa in gioco” e valorizzazione dei “Saperi” e delle “Competenze”.

Sono questi i veri fattori distintivi e competitivi su scala globale che rappresentano il “vero” patrimonio, il “tesoro nascosto”, del nostro tessuto produttivo creativo; fattori sui quali è inderogabile intervenire ed investire per rigenerarne le potenzialità economiche, sociali e culturali, con strumenti e soluzioni all’altezza anche della secolare storia straordinaria che testimoniano.

Da una parte, è indispensabile agire con decisione per tutelare e sostenere il patrimonio artigianale ancora visibilmente presente soprattutto nei Centri Storici, elaborando ed attivando idonei ed efficaci strumenti giuridici e fiscali, in grado di contrastare concretamente le criticità conseguenti ad un’irresponsabile deregulation che, per diversi decenni, ha favorito competitività sleale e degrado urbano, in danno delle attività più deboli, ma anche del decoro e della percezione identitaria e culturale, per invece avviare processi che, riqualificando le condizioni, innestino fattori per potenzialmente favorire nuova centralità diffusa delle Attività Tipiche, delle Botteghe e Storiche e dell’Artigianato Creativo e Culturale.

Inoltre, la Regione Lazio ha il dovere di fare proprio ed istituire, come già fatto dalla Regione Sicilia, il riconoscimento, pieno e sostanziale, alle eccellenze del territorio del titolo valoriale di “Tesoro Umano Vivente“, anche e soprattutto per favorirne la trasmissione dei Saperi e delle Competenze alle nuove generazioni, così come definito dalla Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, adottata dagli Stati membri nella 32ª Conferenza Generale dell’UNESCO del 17 ottobre 2003.

Altresì, è prioritario e funzionale agli obiettivi, perseguire il riconoscimento del plurimillenario “Saper Fare Creativo della Grande Bellezza” quale “Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO, come già accaduto per altre 15 specificità identitarie italiane.

Dall’altra, nell’epoca di internet, della comunicazione digitale, della disintermediazione, non può che essere la capacità di innovare il Sistema” – stimolando il superamento delle dinamiche individualistiche anche verso una nuova prospettiva del modello di “Fare Impresa Artigiana” – a potenziare la competitività del “Saper Fare Creativo e Culturale” nel contesto economico locale ed internazionale.

Il Lazio certamente non è solamente “Roma”, ma il Lazio è anche e soprattutto “Roma”. E dal Valore “Roma”, oltre a vicendevolmente contaminarsi nei secoli, ancora oggi possono trarne benefit tutti i territori regionali. Partendo dal Contesto “Roma” possono sperimentarsi, svilupparsi e replicarsi innovative models e best pratices utili per Tutti.

Il Programma di Sviluppo per il 2023-2028 delinea le seguenti 5 macro progettualità:

  1. Costituzione del “Make-in.Lazio” – Osservatorio delSaper Fare Creativo Romano e del Lazio”, quale Network Management pluralistico e dinamico, strutturato territorialmente ed in relazione operativa con gli stakeholders di riferimento, in grado di rilevare ed analizzare lo scenario di riferimento e le criticità, nonché di elaborare, promuovere e governare le previste attività di intervento per favorire lo sviluppo economico e socio-culturale dell’EcoSistema territoriale e regionale nel suo complesso. Obiettivo dell’Osservatorio è anche quello di analizzare i pregi e i limiti dei complessivi strumenti normativi vigenti nel settore, ai diversi livelli legislativi, nonché delle relative potenziali risorse disponibili ed in particolare della ancora inattuata Legge Regionale sull’Artigianato n.3/2015 al fine di poterne elaborare, proporre ed attuare le modifiche utili e necessarie al perseguimento degli obiettivi delineati nel Programma di Sviluppo.
  2. Organizzazione progressiva di “CreArt GLocal Meeting”, eventi territorialmente diffusi – anche con cadenza periodica ed in Luoghi che divengano il punto di riferimento locale del Programma di Sviluppo (Make-in.Local) – con l’obiettivo di stimolare e favorire la Partecipazione dei Protagonisti dell’Eco-Sistema ai processi organizzativi e decisionali, l’emergere della conoscenza sulle Realtà del tessuto Creativo Artigianale e Culturale di ciascun ambito territoriale, nonché il confronto sulle esigenze di sviluppo e le aspettative per gli scenari futuri.
  3. Convocazione, con periodicità bi-triennale, dell’evento “Stati Generali & Futuro del Saper Fare Creativo #MadeinRome e #MadeinLazio”, quale GLocal HappenMeeting regionale per conoscere, discutere, aggregare “Idee Innovative” e “Best Pratices” volte a prospettare Nuovi Scenari ed Opportunità per i Protagonisti dell’Eco-Sistema.
  4. Realizzazione della Piattaforma Digitale Web&App “Lazio CreArtigiano” quale Open Big Data Network & MarketPlace per favorire la progressiva e spontanea Geo-Catalogazione dei Saperi e delle Competenze diffuse nell’Eco-Sistema regionale, favorirne l’emersione e la visibilità, le relazioni e le connessioni, promuoverne i Protagonisti, i Luoghi, gli Eventi, i Prodotti ed i Servizi verso il mercato.
  5. Realizzazione del primo “ART-HUB del Saper Fare Creativo”, da definire tematicamente e da localizzare nel cuore della Città di Roma nell’ambito della riqualificazione di un Luogo di prestigiosa centralità (quale esempio, da anni si propone il quadrante urbano comprendente il complesso delle 36 Botteghe del San Michele a Ripa – chiuse da 60 anni – integrato con l’area dell’Arsenale Pontificio a Porta Portese, anch’esso in disarmo da decenni). L’ART-HUB – quale modello innovativo sperimentale da strutturare in chiave Eco-Sostenibile, volano replicabile e scalabile per rigenerare la nuova centralità creativa e artigianale di ciascun territorio e/o di specifiche filiere – si configura quale Incubatore del Sistema, aperto al pubblico, per promuovere e favorire:
    • l’acquisizione, la conservazione, la divulgazione – anche esperienziale – e la messa a disposizione del Patrimonio Storico dei “Saperi” e delle “Competenze”;
    • la connessione e la contaminazione Creativa, anche attraverso processi sperimentali e di ricerca in funzione di analisi del Mercato;
    • la fruizione in condivisione di Spazi Operativi e/o di Mezzi Tecnici e/o di Processi di Lavorazione;
    • l’acquisizione in economia di scala di Attrezzature e/o Materiali e/o Accessori;
    • l’Offerta Formativa in funzione applicativa e di Startuppining progettuale e/o d’impresa;
    • la promozione di Eventi dinamici ed interattivi Esperienziali, Espositivi e Culturali;
    • la gestione customizzata e on demand di Servizi Tecnici e Professionali di Filiera Produttiva, di Mercato, di Marketing, Legali, Finanziari, Amministrativi, …

Analisi e Proposta Politica per il Buon Governo della Regione Lazio 2023-2028

Contributo elaborato a cura di FaròArte, promotore del progetto per il #MadeinRome – www.made-in-rome.com

Per info e contatti scrivere a: info@faroarte.it

Scarica Qui il Programma in PDF


Chi accetterà la Sfida per costruire un “Nuovo Futuro” dell’Artigianato ?

Si invitano i Candidati alla carica di Consigliere della Regione Lazio a manifestare la loro adesione ed il loro sostegno al Programma Regionale per un “Nuovo Modello di Sviluppo” dell’Eco-Sistema del “Saper Fare Creativo e Culturale” Romano & del Lazio

I nominativi dei Candidati che manifesteranno la loro adesione ed il loro sostegno saranno pubblicati e diffusi.
FaròArte è disponibile ed interessato a partecipare ad incontri e confronti pubblici sul tema.

Per i Candidati Consiglieri alla Regione Lazio che intendono aderire e sostenere il Programma Regionale, questo è il modulo da compilare ed inviare:

    il sottoscritto

    Nome e Cognome*

    Citta'

    Lista Elettorale

    E-Mail

    Recapito telefonico

    ev. Sito Web

    ev. Pagina di Facebook

    - Quale Candidato Consigliere alle prossime elezioni Regionali del Lazio del 12 e 13 Febbraio 2023, dichiaro l'interesse a collaborare e la disponibilità a sostenere, anche dopo l'auspicata elezione, l'apertura del confronto pubblico, il perseguimento degli obiettivi e lo sviluppo degli strumenti attuativi delineati nel “Programma Regionale per un "Nuovo Modello di Sviluppo" dell’Eco-Sistema del “Saper Fare Creativo e Culturale” Romano & del Lazio” elaborato e promosso da FaròArte per il #MadeinRome.

    - Richiedo di essere aggiornato ed invitato a partecipare alle iniziative relative alla promozione ed allo sviluppo del Programma Regionale.

    Info, Commenti e Suggerimenti

    * campi obbligatori

    Test anti SPAM:

    Ai sensi dell’Art.13 del D. Lgs. n.196/2003 (Privacy) e s. m. e i. e del Regolamento UE n.679/2016 (GDPR) e s. m. e i., consento il trattamento dei miei dati personali autorizzandone la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la conservazione, l’elaborazione e l’utilizzo per le finalità richieste e dichiaro di aver preso visione dell'Informativa pubblicata sul sito al link: https://made-in-rome.com/contatti/informativa-privacy/

    7 comments for “Programma Regionale per un “Nuovo Modello di Sviluppo” dell’Eco-Sistema del “Saper Fare Creativo e Culturale” Romano & del Lazio

    1. Il progetto rientra nel quadro strategico del New Bahaus europeo. La bellezza e la creatività per la realizzazione di città sostenibili. Il contributo degli Artigiani è prezioso.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com