Ecco i vincitori del premio 2019 #RomaCreArtigiana selezionati tra i finalisti della Biennale di MArteLive

Sono stati selezionati i due vincitori del premio #RomaCreArtigiana 2019, i due creativi che si sono particolarmente distinti nelle sezioni Moda e Artigianato del contest organizzato da MArteLive.


Anche quest’anno, la Rassegna di MArteLive ha testimoniato una grande capacità di espressione creativa in tutti i partecipanti. Un risultato di grande valore per la manifestazione, ma anche e soprattutto perché rende evidente come la qualità delle produzioni artigianali creative italiane siano finalmente anche espressione delle nuove generazioni.

Questa osservazione fa sciogliere la preoccupazione che da anni abbiamo vissuto: la perdita di continuità creativa tra generazioni artigianali per la mancanza di “appeal” del Lavoro Artigiano.

Il Lavoro Artigiano ha resistito e la finale di Marte Live 2019 dimostra che saperi e competenze si stanno trasferendo dai vecchi maestri in nuove mani e che la creatività continua a generare innovazione.

Sulla scorta di questa riflessione l’architetto Dionisio Mariano Magni – presidente del Consorzio FaròArtepromotore del progetto per il #MadeinRome ed editore del web portal #RomaCreArtigiana– ha selezionato i due vincitori o meglio le due vincitrici del Premio 2019 #RomaCreArtigiana in Valentina Musiu con “Valegnameria” per la sezione Artigianato e in Flavia Piendibene con “Altoricamo” per la sezione Moda.


Valentina Musiu: riciclo di gran creatività con “Valegnameria”

Valentina Musiu, nelle sue performance per MarteLive 2019, ha interpretato in modo esaustivo e con grande capacità creativa il valore del riciclo di un materiale che per i canoni “dell’usa e getta”, è materia da discarica.

A tale materia ha saputo con grande sensibilità ridare valore, riposizionandola nel ruolo di soggetto da formare per dare vita ad oggetti che vogliono accompagnare gradevolmente la quotidianità di ognuno.

Attraverso un uso attento della composizione geometrica e del colore, ha trasferito alla materia nuda una capacità di vestirsi e dialogare nel respiro vitale di “Gaia“.

Le opere sono un valido esempio di attività creativa rivolta a perseguire principi di economia circolare e sostenibilità ambientale.

Valentina dimostra che si può superare la forma e la funzione della vita precedente di un oggetto e ridargli uno scopo completamente diverso.


Flavia Piendibene: sul filo della seduzione con “AltoRicamo”

Flavia Piendibene ha proseguito in un percorso antico ed affascinante trasformando in oggetto del “bello” una materia semplice come il filo che a sua volta è ricavato da una semplice fibra, così dimostrando che le così dette “arti femminili” non sono da considerare un ghetto dell’espressione creativa propria della sensibilità femminile.

Flavia ha ripercorso la strada dell’esercizio continuato e costante delle mani, nel tracciare traiettorie che sono difficili e improbabili ad un “filo”, fino ad acquisire un livello di abilità che ne determina il titolo di “Maestra”, sebbene l’età in questo nostro tempo non ne vorrebbe prendere considerazione.

Il lavoro è sottile, attento fino alla meticolosità, in quel modo che solo la Maestria riesce ad esprimere, sollevandola dalla pedanteria.

E’ così che Flavia riesce a dare nuova pelle al corpo femminile, creando forme nel “ricamo” che conferiscono all’indumento quello “spazio franco” dove si esprime in arte la “seduzione” che genera il piacere dell’incontro tra il femminile e il maschile.

Articolo ripreso da #RomaCreArtigiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com